Stamattina mi sveglio, scopro che la sveglia non ha suonato e che ho esattamente 30 minuti per portare mia figlia all’asilo! Direte ma che diavolo c’entra questa storia con il titolo del post?

C’entra perché mentre ero in fila bloccata sulla statale a causa dell’ennesimo incidente, ho potuto ascoltare l’oroscopo! Quando arriva il momento del cancro sento lo speaker radiofonico dire che in questo periodo “quelli nati sotto questo segno hanno bisogno di scoprire nuovi orizzonti sportivi per uscire dalla propria confort zone e misurare se stessi”(vi giuro che è tutto vero!!!)! Mi sono detta WOW, questo astrologo è un mago; non più tardi di 2 settimane fa, infatti, mi sono iscritta ad un corso di beach volley….la mia personale “bestia nera”, visto che in casa ho un discreto giocatore e quasi tutto il mondo di amici che mi circonda gravita intorno a questo sport!

Tutto questo “papiro” introduttivo per dire che…ebbene si…ho ceduto anche io, e dopo aver passato gli ultimi 30anni a schivare (letteralmente) qualsiasi sport che avesse a che fare con delle palle, nel 2016 finalmente decido di affrontare me stessa, la mia goffaggine e la mia poca attitudine alla coordinazione! Il mondo del fitness è stato per me, negli ultimi 16 anni, un rifugio comodo e confortevole, ma è tempo di cambiare…e lo dicono anche le stelle 😉 😉 😉

Quello che ho capito nelle prime 2 settimane di beach volley è che; sapere e vedere concretamente di essere una schiappa è psicologicamente difficile da affrontare, soprattutto se sei con ragazze tutte più capaci di te, che involontariamente contribuiscono ad evidenziare la tua inettitudine 🙂 🙂 🙂 !!! Ma è al tempo stesso molto stimolante, perché diventa una sfida, contro te stessa e tutti quelli che pensano che tu non ce la possa fare! E, come direbbe ogni persona orgogliosa e caparbia di questo pianeta…..le sfide devono essere vinte!!!

La morale è che nella vita a volte è necessario, e terapeutico, tuffarsi a bomba nel mare nero delle proprie paure. Per me, ad esempio, fare questo sport significa essere a disagio con il mio corpo, perché non lo controllo come vorrei e perché non mi sento portata, e mostrare (quindi affrontare) un lato del mio carattere molto vulnerabile, che tento di tenere più nascosto possibile.

….. Vediamo chi la spunta….