Ciò che fa davvero la differenza per un runner è l’alimentazione. I veri risultati, quelli tangibili da sfoggiare come trofei, sono determinati da ciò che mangiamo!

Quello che si mette nella pancia anche poche ore prima della corsa infatti determina il funzionamento del nostro organismo e di conseguenza la qualità della nostra performance e dei risultati.

Ma le esigenze nutrizionali variano da persona a persona e capire esattamente che cosa il nostro corpo ha bisogno non è facile. “Una delle motivazioni per cui nonostante l’impegno in fase di allenamento non si ottengono risultati in termini di perdita di peso è perché non si fa il giusto carburante prima e durante l’esercizio fisico dice Lauren Antonucci, certificata dietista sport, e proprietario della Nutrizione Energy.

Per avere la miglior gara, ci sono alcune linee guida fondamentali da tenere a mente.

Durante l’attività fisica il nostro corpo usa l’energia immediatamente disponibile: zuccheri (glucidi, quindi carboidrati) mentre quando la finisce inizia a bruciare i grassi che ha accumulato.

Proprio per questo prima della corsa bisogna mangiare alimenti velocemente assimilabili e pronti a fornire energia.
A tale proposito diverse ricerche hanno dimostrato che non è vero che praticando attività fisica a stomaco vuoto il corpo ricorre alle riserve di grasso: utilizza invece le proteine dei muscoli per “nutrirsi”, riducendone quindi la massa.

Uscire per una corsa con la pancia piena non è consigliato ma anche a stomaco vuoto non è l’ideale, diciamo che bisogna uscire con qualcosa nello stomaco, rigorosamente assunto mezz’ora/un’ora prima della corsa. 

Cosa mangiare prima di correre o camminare

Prima

Premesso che dicendo “mangiare prima” non intendiamo “mangiare molto” o un pasto completo, ma intendiamo uno spuntino che ci permetta di non essere a stomaco vuoto.

Inoltre non mi stancherò mai di dire di bere: acqua, succhi di frutta, non alcolici, ovviamente. Soprattutto carboidrati o frutta. A scelta:

  • mezza banana con un po’ di yogurt naturale
  • alcuni cracker, eventualmente con un po’ di formaggio
  • fiocchi d’orzo (ricchi di fibre)
  • una fetta di pane da toast o un po’ di pane (non una baguette intera!)
  • una tazza di riso condito con un filo di olio

Dopo

La cosa più importante è reintegrare i liquidi e ristabilire le scorte di glicogeno nel fegato e nei muscoli per questo è bene e assumere entro mezz’ora dalla fine dell’allenamento dei carboidrati ad alto indice glicemico come succhi di frutta,  biscotti, o fette biscottate.

Entro due ore dalla fine dell’allenamento è invece consigliato prediligere altri carboidrati come pasta o pane. Per smaltire l’acido lattico invece l’ideale è un bicchiere di latte scremato che svolge un’azione alcalinizzante sul corpo, oppure un bicchiere d’acqua con del bicarbonato o minerale con un residuo fisso alto.

Ed ora non resta che infilarsi le scarpette ed uscire all’aria aperta, buon allenamento!:)